universali amanti

Sono naufragata

nel mare lunare,

gridandoti poesie

ho spezzato un millenario

silenzio interstellare:

volevo invitare l’universo

a sfidare questo amore.

 

I battiti cardiaci

hanno annullato

la velocità della luce

 

hai già percorso

per sfiorarmi 

distanze siderali

 

i corpi, unendosi,

hanno fatto esplodere

migliaia di supernove

 

innumerevoli volte siamo usciti

insieme intrecciati e più veri

dai buchi neri della probabilità.

 

Consapevoli

che non ci sarebbe stato mai

un sole più luminoso e caldo

dei nostri sguardi

 

che le miriadi di stelle

non avrebbero mai superato

il numero dei baci

 

che fra quattro mura

bastano i nostri sogni

per vincere la forza di gravità

e per mettere a tacere l’intero universo

la nostra magnetica necessarietà.

maxresdefault

“Lo vedi il mare?” “Dove?” “Sul soffitto.” “Sì, lo vedo il mare.”                                                       (La Grande bellezza)

riesci sempre ad essere estate

Sei

la mia brezza estiva

leggera,tiepida

fragrante

 

quando sono

nel mio vento d’inverno

rigido, gelido

e raffreddato.

 

La mia concezione

di amore stagionale

sono queste strade ghiacciate

ma soprattutto tu

che riesci sempre ad essere estate.

2270_1

“It’s official, I’m in love with Summer.” (500 days of summer)

 

 

nome comune femminile singolare

La senti questa lotta?

Novecentesca

inarrestabile

coesione

 

La senti questa anima?

Istinto di madre

forza sensibile

ostinazione

 

La senti questa speranza?

Nel nostro millennio

la più grande

ribellione

 

La senti questa libertà?

La tua unica

irrinunciabile

aspirazione

 

Ché lotta, anima

speranza e libertà

sono come te, donna:

nome comune femminile singolare.

 

 (manifestazione Nonunadimeno)

 

verresti?

 

Odio i ma, i se

e i condizionali

 

ma se io ti dicessi

che siamo uguali

 

ma anche un po’ diversi

per essere speciali

 

ma anche così pazzi

da essere geniali

 

e giovani anche stupidi

o irrazionali

 

e ti giuro

non siamo mai banali

 

solo poetici

estremamente passionali

 

ma nei momenti giusti

seri e cerebrali

 

e non sfioriamo mai davvero

l’essere normali,

 

verresti con me

a ribaltare i paesi e gli ideali

a inventare sempre nuovi finali

a toccare i confini mondiali

a ignorare i codici morali

 

e soprattutto a rubarci baci

come due criminali?

verresti?

rebel-without-a-cause-james-dead-e-natalie-wood (Rebel without a cause)

bruciare di vita

-storia di nottate e di albe

Certi sorrisi

non hanno alcuna ragione

ma la rugiada sui fili d’erba all’alba sì

 

certi sorrisi

ne vorrebbero forse una

ma a noi va meravigliosamente bene così.

 

Certi sorrisi

forse un po’ alcolici

non ragionano nel buio notturno

 

certi sorrisi

parliamoci chiaro

non lo fanno neanche di giorno.

 

Certi animi folli

sorridono senza saperlo

e il tempo gli scorre via fra le dita

 

non serve ragione

a neanche vent’anni

se non quella di bruciare di vita.

dreamers__22_

“I didn’t want that night ever to end.” (The Dreamers)

vita della mia vita

-Tate Modern, Londra

Entrammo e dentro pioveva
e ci pioveva dentro
una tempesta emozionale
quasi mortale
sicuramente catartica

Entrammo e dentro esplodeva
e ci esplodeva dentro
la mina dell’arte
quasi prepotente
religiosamente silenziosa

Entrammo e lei entrava in noi
e ci confondeva
ci ispirava
ci parlava
ci insegnava
ci faceva perdere
ci faceva domandare
ci faceva appassionare.

Voce di altre voci
tempo di ogni altro tempo
vita della mia vita.

morire d’amore

Sei una nuvola

ma giù all’inferno,

sei il paradosso

di un attimo eterno

 

Sei una causa persa

ma da vincere ancora,

sei ogni viaggio

sotto le lenzuola

 

sei una canzone scordata

ma con armonia,

sei la strada sporca

di passi e poesia

 

sei un monologo

ma non interiore,

sei il caffè

e il suo sapore

 

sei l’America e l’Africa

ma dietro casa,

sei l’equilibrio

di una cosa sospesa

 

sei un’ebbrezza felice

ma non costante,

sei il mare di nebbia

sotto al viandante

 

sei uno specchio

ma frantumato appena,

sei la luce di latte

della luna piena

 

sei un coltello

ma che non taglia,

sei il sommo stratega

di ogni mia battaglia

 

sei l’anima e il corpo

ma non la mente,

sei l’urlo disperato

che nessuno sente

 

sei un credo convinto

ma blasfemo

sei il brivido forte

di un sentimento estremo.
Sei una scelta fissa

ma non la migliore

sei tu

mia dolce condanna

a morire d’amore.

12141714_10208195446273720_151407470632896865_n